Il Botox o botulino in medicina estetica

Tra i farmaci più utilizzati in ambito della chirurgia estetica vi è senz’altro il Botox ® che è basato sulla cosiddetta tossina botulinica di tipo A purificata; con l’iniezione di questa sostanza si riesce ad inibire l’impulso nervoso a livello muscolare.

Dunque, è possibile affermare che grazie al botulino si possono eliminare le rughe d’espressione, che sono causate dalla contrazione dei muscoli mimici, posti tra le sopracciglia, ma anche le rughe interciliari e le famose zampe di gallina. Questa sostanza, peraltro, è anche utilizzata per il trattamento dell’iperidrosi ovvero l’eccessiva sudorazione.

Qui di seguitovediamo insieme le caratteristiche più importanti del Botox ® o botulino:

  • La storia e le origini del botulino
  • Che cos’è la tossina botulinica ed il Botox®
  • Quando viene utilizzato il trattamento
  • Come avviene il trattamento
  • Gli effetti collaterali e le controindicazioni del botulino
  • Post-trattamento al Botox®
  • Per quanto tempo è visibile l’azione del Botox®
  • Qual è l’età consigliata
  • Lifting non chirurgico attraverso il botulino
  • L’azione della tossina botulinica nell’iperidrosi
  • Costo del trattamento

La storia e le origini del botulino

Questa sostanza fu utilizzata per la prima volta nel 1977 per un trattamento correlato allo strabismo. Successivamente, rifece la sua comparsa nei primi anni ’90, momento in cui si è iniziato a studiare questa sostanza applicata all’interno della chirurgia estetica. Va sottolineato, però, che la sostanza botulinica fu utilizzata solamente per le patologie caratterizzate da spasmo muscolare e distonia (strabismo o blefarospasmo).

Non bisogna, tuttavia, lasciarsi sfuggire che tra i primi nomi ad operare con il botulino furono dapprima il Dr. Edward J. Schantz – che purificò la tossina botulinica di tipo A ottenendo dei cristalli di sintesi – il Dr. Vernon Brooks che scoprì come dosi di Botox facevano rilassare i muscoli temporaneamente e il Dr. Alan B. Scott che iniettò per l’appunto la sostanza in piccole dosi per intervenire dove vi erano problemi di strabismo.

Che cos’è la tossina botulinica ed il Botox®

La tossina botulinica si caratterizza come una proteina prodotta dal batterio Clostridium botulinum. Questa si contraddistingue come la sostanza più tossica conosciuta al momento ed oggigiorno viene per l’appunto iniettata nella sua variante purificata per ottenere dei benefici sul corpo.

Se la sostanza botulinica fosse iniettata, provocherebbe il blocco del rilascio dell’acetilcolina, sostanza che è liberata dai nervi per trasmettere al muscolo lo stimolo a contrarsi e successivamente far muovere anche le articolazioni. In questa circostanza il muscolo si ritrova completamente paralizzato.

Come già detto, il Botox che viene utilizzato in chirurgia estetica, generalmente, è iniettato nei muscoli mimici del viso, così da provocare una riduzione dell’attività di contrazione dei muscoli e, conseguentemente, pure un’attenuazione delle rughe di espressione. In Italia questo tipo di sostanza è nota nelle attività commerciali del settore come VISTABEX.

Simile al Botox è senz’altro il NEUROBLOC, una soluzione altrettanto iniettabile che però è ottenuta direttamente dalla tossina botulinica purificata di tipo B.

Quando viene utilizzato il trattamento

Intervenire con la tossina botulinica significa cercare di porre rimedio ad un piccolo inestetismo che a portato alle rughe di espressione; come già detto, queste si evidenziano sempre di più con il passare del tempo per via del continuo movimento dei muscoli mimici – posti sulla fronte – o per l’espressione sempre corrugata e preoccupata o ancora quando si arriccia il naso.

Non è una chimera pensare che questo tipo di trattamento estetico sia in grado di correggere solamente le rughe ed i solchi che si vengono ad evidenziare sul volto proprio con l’azione dei muscoli mimici; per questo tipo di operazione non sono da prendere in considerazione l’invecchiamento cutaneo o le rughe eccessivamente profonde. Nel caso in cui venisse associato il Botox con altri trattamenti chirurgici, si potrà intervenire pure su questi inestetismi più marcati, sfruttando filler (Collagene, Acido ialuronico), peeling, lifting o blefaroplastica, trattamenti laser skin resurfacing.

Tra gli inestetismi e le patologie che si possono trattare con il Botox vediamo:

  • Rughe frontali (rughe orizzontali posti nella zona della fronte)
  • Rughe interciliari
  • Rughe delle labbra (collocate intorno alla bocca)
  • Rughe e solchi glabellari (si formano tra le sopracciglia)
  • Zampe di gallina (rughe caratteristiche intorno all’occhio)
  • Rughe di espressione
  • Ringiovanimento del viso ad effetto lifting
  • Iperidrosi
  • Cefalee croniche da tensione
  • Strabismo
  • Blefarospasmo
  • Distonia cervicale
  • Spasmo dello sfintere anale
  • Disturbi della deglutizione
  • Spasmo muscolare da paralisi cerebrale
  • Disordini del movimento (invalidità quali spasticità)

Come si effettua il trattamento Botox® o di botulino

A differenza di quanto si possa pensare, il trattamento di botulino o Botox non richiede riposo assoluto come invece avviene nelle operazioni chirurgiche. Difatti, si può affermare che è un trattamento ambulatoriale ovvero sarete sottoposti alle iniezioni di Botox senza alcun ricovero ospedaliero e non sarà neppure effettuata un’anestesia locale o totale.

Il trattamento in questione, da effettuarsi esclusivamente presso degli specialisti, può durare dai 15 ai 20 minuti, tempo durante il quale il medico estetico si preoccuperà di iniettare correttamente la tossina botulinica Vistabex nelle zone in cui è necessario intervenire.

In tal caso sarà utilizzata una siringa piccola, dotata per l’appunto di un ago molto sottile, che andrà ad immettere nella cute, e più precisamente nei muscoli mimici, delle piccole dosi di prodotto. In questo modo, si potrà intervenire su tutti quei muscoli che devono essere rilassati per eliminare le cosiddette rughe d’espressione.

Gli effetti collaterali e le controindicazioni del botulino

Come potrete ben immaginare, questa tipologia di trattamento è sperimentata da moltissimi anni, specie nel campo oftalmologico, e anche  nella medicina estetica e non vi sono particolari complicanze o controindicazioni.

In casi rari è possibile osservare dopo il trattamento con il Botox che vi siano delle reazioni allergiche, e solo in casi altrettanto rari si può riscontrare un abbassamento della palpebra superiore o una ptosi, che dura all’incirca 3-4 settimane ed è reversibile.

Il trattamento con il botulino non può essere effettuato su persone che hanno problemi neuromuscolari e, né tantomeno, su donne in gravidanza.

Post-trattamento al Botox®

Una volta portato a termine il trattamento, il viso si presenterà con leggeri rossori collocati proprio nelle aree in cui è stata fatta l’infiltrazione di botulino. Questo piccolo arrossamento sarà presente per pochi minuti, mentre che in rare occasioni è possibile che compaiano dei lividi che, però, si riassorbiranno nel giro di pochi giorni.

Un piccolo fastidio che si può riscontrare nei primi giorni dal trattamento è un lieve bruciore che però scomparirà dopo 2 giorni. Tutte le donne che si sottoporranno al trattamento di botulino potranno nuovamente iniziare a truccarsi dopo 10 giorni dallo stesso, mentre che sarà necessario attendere circa una decina di giorni prima di potersi esporre al sole.

Tutte le altre attività potranno riprendere normalmente già appena concluso il trattamento Botox.

Per quanto tempo è visibile l’azione del Botox®

I risultati del trattamento con la tossina botulinica Vistabex saranno visibili gradualmente, da 2-5 giorni in base al caso trattato, e riescono a raggiungere la perfezione nel giro di un mese. I risultati ottenuti sulla pelle e la netta scomparsa delle rughe si potranno mantenere per altri 4-5 mesi e, dopodiché, andranno scomparendo in modo graduale.

Qual è l’età consigliata

Le infiltrazioni di Botox si possono eseguire solo se vi è un’utilità davvero importante, specie se poi si ha a che fare con individui minorenni; a tal proposito, difatti, vi dovrà essere un’indicazione terapeutica del proprio medico per procedere, anche se generalmente l’uso di questa sostanza non è raccomandata al di sotto di 12 anni.

Per quanto riguarda fino a che età ci si può sottoporre, non esiste una limitazione che porta ad un risultato nullo. Chiunque, fino ai 90 anni, può intervenire sul proprio aspetto consultando un medico estetico professionista.

Lifting non chirurgico attraverso il botulino

Questa pratica, sempre più comune tra gli esperti della medicina estetica, è particolare, ma soprattutto si presenta ideale nei soggetti che desiderano intervenire sui muscoli del viso. In pratica, il risultato tramite Botox si ottiene con la riduzione della trazione dei muscoli del sopracciglio che spingono verso il basso, a vantaggio dei muscoli che, invece, spingono verso l’alto.

In questo modo, è possibile evidenziare un vero e proprio lifting del volto che va ad eliminare il collasso del sopracciglio cadente (lifting del sopracciglio), della punta del naso, ma anche della pelle del collo ed ai lati della bocca.

L’azione della tossina botulinica nell’iperidrosi

Spesso si parla dell’utilizzo alternativo del botulino, al di fuori del contesto rughe, e la sudorazione o iperidrosi è sicuramente uno di quei casi, soprattutto perché nessuno si troverebbe a proprio agio a bagnare abbondantemente le stoffe degli abiti con i propri sali minerali in eccesso.

Difatti, in questo caso la medicina estetica interviene per aiutare tutte quelle persone che soffrono di sudorazione eccessiva tramite infiltrazioni di Botox che va a bloccare la sudorazione in diverse zone del corpo come le mani, i piedi e le ascelle.

Ovviamente, come avrete ben capito, si tratta comunque di un trattamento temporaneo che però riesce a garantire risultati soddisfacenti per 6 mesi circa. Le iniezioni di botulino per l’iperidrosi sono consigliate, quindi, ogni circa 6 mesi dopo un consulto con il medico estetico.

Costo del trattamento di Botox®

Il prezzo da sostenere per le iniezioni di tossina botulinica è da concordare con il proprio medico, in base al numero di zone da trattare, ma generalmente il costo oscilla tra i 150 euro ed i 500 euro. Per un preventivo contatta un medico estetico della tua città

Ricordiamo che il nome commerciale Botox ®, e tutti i marchi o i nomi registrati che abbiamo citato nella presente pagina, appartengono ai rispettivi e legittimi proprietari.

Vedi un approfondimento dedicato al botulino.

Quanto costa?